Eminflex, insieme per gli elefanti

Eminflex, insieme per gli elefanti

LO ZOO DI NAPOLI RINGRAZIA EMINFLEX PER IL CONTRIBUTO PER L’ARRIVO DELLA NUOVA ELEFANTESSA MYA!

Nel week end tra il 21 e il 23 Dicembre 2018, Lo Zoo di Napoli ha presentato la sua “gigantesca” per la città.

In collaborazione con lo ZSL di Londra e grazie anche al prezioso contributo di Eminflex, è arrivata Mya, una nuova elefantessa a far compagnia a Jula, ospite dello Zoo dal 2015.

Il bellissimo esemplare, come tutti gli altri del Parco, arriva da uno stato di cattività.

Per garantirgli un habitat ottimale, l’attuale exhibit è stato riadattato in modo da poter ospitare al meglio entrambi gli elefanti, ora finalmente insieme dopo un percorso di adattamento e conoscenza reciproca!

La storia di Jula inizia 30 anni fa, nel 1988 in Birmania, nei campi di lavoro dove la madre Winny lavorava da ben prima di metterla al mondo.

Nel 2015 arriva allo Zoo di Napoli insieme alla mamma Winny, con cui ha vissuto fino alla sua scomparsa.

Gli elefanti sono animali che  risentono dell’impatto emotivo legato alla presenza di simili o alla loro assenza.

Per questo, come gli uomini, hanno sviluppato abitudini uniche nel mondo animale, come seppellire gli elefanti morti con foglie e terra, usando la proboscide, e allontanarsi dal branco per dirigersi nel posto dove riposano tutti gli altri elefanti precedentemente deceduti, quando in vecchiaia sentono che manca ormai poco alla loro fine.

Tutti motivi, che hanno spinto negli ultimi mesi, i keeper dello Zoo a starle vicino con moltissime attività ad hoc, che l’hanno distratta dalla sua attuale condizione.

LA LETTERA DI JULA

Mi chiamo Jula e la mia storia inizia 30 anni fa, nel 1988 in Birmania. Tra la pioggia e il fango dei campi di lavoro dove mia madre Winny lavorava da ben prima di mettermi al mondo. Come Dumbo, ho vissuto i miei primi anni al servizio dell’uomo. E a salvarmi sono stati proprio degli uomini, grazie ai quali dal 2012 vivo allo Zoo di Napoli: ormai la mia casa.


Sono arrivata insieme a mia mamma Winny. Con la quale ho vissuto assieme fino al tragico giorno della sua improvvisa scomparsa. Noi elefanti siamo tra gli animali che maggiormente risentono dell’impatto emotivo legato alla presenza di simili. Siamo come voi. Viviamo in gruppo, interagiamo costantemente e mal sopportiamo la solitudine. Siamo tra i pochissimi ad avere uno sviluppo complesso del lutto. Seppelliamo come voi i nostri simili con foglie e terra, usando la proboscide e, quando in vecchiaia sentiamo che ci manca ormai poco tempo, ci allontaniamo dal branco per dirigerci nel posto dove riposano tutti gli altri compagni precedentemente deceduti.


Per questo motivo, in questi mesi i keeper mi sono stati molto vicini. Grazie a loro riesco a distrarmi e a non pensare di essere rimasta sola, fino ad oggi. Perché per queste feste mi hanno preparato il regalo più bello di tutti: avrò finalmente una nuova amica!


Dal 21 Dicembre, infatti, lo Zoo di Napoli ha il piacere di ospitare Mya, in arrivo dal ZSL Whipsnade Zoo di Londra, priva di compagnia dopo la morte di Geetha and Azizah. Non vedo l’ora di incontrarla, insieme a voi e grazie ad Eminflex! E spero che con la proboscide riusciremo a capirci da subito. Sapete, non parlo ancora bene l’inglese.

Vi aspettiamo!

Napoli
22/12/2019

Jula
Firma:



Postato su 07/03/2019 Home, Consigli 0 772

Lascia un CommentoRispondi

Quanto fa 5 + 3:

Categorie Blog

Ultimi commenti

Cerca nel blog

Articoli Correlati

Compara 0
Desiderata
Precedente